Calcio

Inter più tosta della… Red Bull

I nerazzurri sconfiggono il Salisburgo e consolidano il primo posto nel girone insieme con la Real Sociedad. Fra due settimane il ritorno in terra austriaca

Non bella, ma credibile. Non convincente, ma vincente. Questa è l’Inter che ha superato il Salisburgo, non senza difficoltà. Il passaggio del turno in Champions è pressoché formalizzato. Per il primo posto bisognerà attendere il ritorno con austriaci, Benfica e Real Sociedad. Un girone tutto da vivere, anche perché una vittoria potrebbe bastare per la qualificazione agli ottavi.

Il match di martedì al “Giuseppe Meazza” non è stato indimenticabile, per merito degli uomini di Gerhard Struber, che hanno conteso il successo fino alla fine. Dopo il gol di Alexis Sanchez (tutti lo aspettavamo), gli austriaci, già pericolosi dopo pochi secondi dall’inizio e fermati da uno strepitoso Yann Sommer, sono riusciti a pareggiare con il giocatore più talentuoso, Oscar Gloukh, un centrocampista offensivo di 19 anni nato in Israele, autore di una prodezza balistica, sulla quale Sommer ha potuto solo guardare la sfera che s’insaccava poco sotto l’incrocio del palo più lontano.

I nerazzurri non hanno rubato l’occhio, questo è sicuro, ma hanno reagito da grande squadra quando hanno dovuto scuotersi al gol del pareggio avversario. Arrivato con merito, poiché i sei tiri in porta certificano la bella prova contro i finalisti di Champions di appena quattro mesi e mezzo fa. Spinti dalle geometrie di Hakan Çalhanoğlu e dalla saggezza di Henrikh Mkhitaryan, i padroni di casa sono riusciti a vincere il match anche grazie a un’incursione del guastatore Davide Frattesi, autentico furetto nelle aree avversarie, intrappolato in modo falloso dalla morsa dei Red Bull da Lucas Gourna-Douath. .

Dopo il rigore trasformato da Çalhanoğlu e il gol annullato a Lautaro Martinez (ieri abbastanza in ombra), per un fuorigioco millimetrico di Frattesi, sono stati dieci minuti di pura sofferenza, in cui neanche l’ingresso di Marcus Thuram è servito a far uscire la squadra dal proprio guscio. Tre punti benedetti per Simone Inzaghi che ha consolidato la possibilità di passare il turno in Champions, dopo la riconquista del primo posto in campionato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button