CalcioInterPrimo Piano

La Roma dura un tempo, poi è dominio Inter

Nerazzurri protagonisti di una ripresa da campioni.

Una partita che ha regalato emozioni da una parte e dall’altra questo Roma Inter che aveva perlomeno sulla carta tutti i requisiti per rappresentare una trappola pericolosissima. Così è stato in effetti per tutta la prima frazione di gioco quando i giallorossi hanno avuto costantemente in controllo del ritmo e sono stati in grado di creare le occasioni migliori della gara. A cominciare da quella costruita dopo pochi secondi da El Shaarawy, con il giocatore di origini egiziane che impegna Sommer. In generale il ritmo che riesce a tenere la Roma nelle prime fasi della gara sembra essere insostenibile, anche se a passare in vantaggio al 17º minuto sono i nerazzurri che sugli sviluppi di un calcio l’angolo approfittano di una respinta maldestra da parte di Lukaku che diventa un assist per Acerbi protagonista di un colpo di testa vincente. Passano pochi minuti e la reazione della Roma porta la squadra al pareggio con una punizione dalla distanza che diventa un assist prezioso per Mancini con l’ex difensore dell’Atalanta che colpisce di testa e batte Sommer anche approfittando di un errore in marcatura di Pavard. Il risultato torna dunque in equilibrio al 28º. La reazione degli ospiti è piuttosto sterile ed al netto di un paio di tentativi di ripartenza i nerazzurri sembrano essere fuori partita. Così al 43º è la Roma a passare meritatamente in vantaggio e battere Sommer per la seconda volta. È ancora El Shaarawy a rendersi protagonista della gara con una conclusione piuttosto fortunata che dopo aver colpito entrambi i pali termina alle spalle del portiere svizzero.

Con il secondo tempo sembra cominciare una partita totalmente diversa con l’Inter che ritrova il ritmo e l’intensità che in questa stagione sono abituali per i nerazzurri ed al contempo la Roma sembra aver esaurito all’interno della prima parte di gara tutte le energie a disposizione.  Dopo pochissimi minuti della ripresa la squadra di Inzaghi, oggi squalificato, trova il pareggio con un’azione corale in verticale che porta al  cross Darmian che trova la difesa completamente sbilanciata e mette la palla in area per Thuram che batte Rui Patricio; tutto questo succede al 49º. Passano poi appena cinque minuti ed i nerazzurri ribaltano il risultato con un’azione fulminea che coglie completamente di sorpresa la retroguardia dei giallorossi con Angelino che viene costretto a deviare la palla nella propria porta nel tentativo di anticipare Thuram. È questo dunque l’episodio determinante per cambiare in modo definitivo lo sviluppo della partita e consegnare di fatto all’Inter il completo controllo del gioco per tutta la seconda frazione della gara. La squadra di De Rossi esce totalmente annichilita da queste due marcature ravvicinate. Al netto di un’occasione abbastanza clamorosa sprecato da Lukaku, neutralizzato da un ottimo Sommer non si rende quasi mai pericolosa. Nei secondi finali della partita i nerazzurri trovano anche la quarta della gara con Arnautovic e Sanchez che confezionano l’azione che porta al primo gol in campionato di Alessandro Bastoni.

Per la squadra di Inzaghi arriva una vittoria dal peso specifico clamoroso che conferma quanto di buono la squadra aveva già evidenziato fino a questo punto della stagione ma mette in risalto anche la solidità mentale tipica delle grandissime squadre ciniche e vincenti.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button